fbpx
Close

Shock climatico: cambiare paese e fare i conti con un clima diverso

Il clima ha una grande influenza sulla nostra vita, scandisce i nostri ritmi e dà voce ai nostri stati d’animo.

Quando ci spostiamo in un nuovo paese, ci troviamo a fare i conti (tra i tanti cambiamenti) con un clima diverso, e adattarsi può essere più o meno faticoso.

Per capire le difficoltà legate all’adattamento a un clima diverso, è utile conoscere l’impatto che il tempo ha sul nostro benessere. Diversi studi sottolineano come il clima ci influenzi su tre livelli:

  1. Biologico
  2. Psicologico
  3. Comportamentale

Questo significa che spostandoci, il nuovo clima influenzerà il nostro corpo, il nostro umore, il nostro modo di pensare e di agire.

Vediamo quindi i vari aspetti meterologici e come ognuno di questi abbia un impatto sui tre livelli di cui abbiamo appena parlato.

  • Temperatura: quando la temperatura è molto alta il corpo fa fatica a termoregolarsi e quindi tendiamo ad essere più aggressivi. Quando invece la temperatura è molto bassa siamo fisicamente più lenti e socialmente meno aperti a nuove conoscenze. Un aspetto curioso è che con i climi estremi aumenterebbe la creatività, perchè le persone sotto stress sarebbero più attive cognitivamente.
  • Umidità: alti tassi di umidità disturbano il sonno, diminuiscono la concentrazione e ci rendono più nervosi con gli altri.
  • Pioggia: quando piove la pressione atmosferica diminuisce e questo può provocare dolori e sensibilità a livello fisico. Lunghi periodi di pioggia sono associati a pensieri negativi e meno soddisfazione rispetto alla propria vita. Inoltre nei giorni piovosi le persone sarebbero meno propense ad interagire con gli altri.
  • Luce: la carenza di luce provoca una diminuzione della melatonina, perciò ci sentiamo sonnolenti perchè questo ormone ci segnala che è ora di andare a dormire. A livello psicologico invece ci possiamo sentire più tristi e giù di umore (ho scritto un articolo su questo qui). Al contrario, se siamo esposti alla luce produciamo più serotonina, l’ormone del benessere, e a livello mentale ci sentiamo più energici e più ottimisti. Sembrerebbe però che la memoria e la flessibilità mentale siano migliori con poco sole, forse perchè siamo più focalizzati sui compiti e meno distratti dal pensiero di uscire.
  • Nuvolosità: infine con il cielo annuvolato possiamo essere più produttivi, più concentrati e più inclini a riflettere in modo profondo.

Come abbiamo visto quindi, gli aspetti climatici hanno una grande influenza a livello fisico, mentale e sociale. Perciò spostarci in luoghi con delle caratteristiche climatiche particolari può avere effetti specifici.

In linea generale il clima del nostro nuovo paese avrà un impatto maggiore su di noi se:

  • E’ molto diverso da quello del nostro luogo d’origine
  • Il nostro umore è già instabile per altri motivi
  • E’ molto lontano da ciò che preferiamo, considerando la nostra personalità.

Un ulteriore aspetto da considerare nel riflettere sull’influenza che il nuovo clima può avere sul nostro benessere è il cambiamento di stile di vita. Ciò che davvero può cambiare per noi sono le nostre abitudini, perchè la quotidianità ruota inevitabilmente attorno al meteo e perchè il clima dà forma ai nostri comportamenti. Perciò, se prima per esempio eravamo abituati a passeggiare quasi tutto l’anno i sabato pomeriggio per il centro, trasferendoci in Finlandia saremo costretti a fare un’inversione di marcia e a preferire per circa metà anno i luoghi chiusi. Va da sè quanto questo abbia un risvolto anche sull’aspetto relazionale e quindi sui modi, magari nuovi, in cui ci dobbiamo sperimentare nello stare insieme agli altri.

..E tu, come vivi il cambiamento di clima? Ti ritrovi negli effetti legati al tempo? Senti che dopo il trasferimento il tuo stile di vita è cambiato? Come sempre resto in ascolto per chi vuole raccontarlo su info@giuliasalerno.com o sui social. Buona serata!

Condividi:

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata.